Cambiare vita (e cibo) grazie all’amore. La storia di Valentina

5Quella di Valentina è una delle tante storie di rivoluzione pacifica e silenziosa (sì! sono davvero tante!) che, solamente leggendole, ti riempiono di ottimismo e gioia.

Valentina ha un blog fantastico – www.naturalentamente.it – in cui condivide con sincerità e dolcezza la sua quotidianità e le sue storie di moglie e mamma, di cucina e di pensieri, di decrescita e autoproduzione.

In cui racconta il suo cammino di disobbedienza civile, contro le scelte condizionate, contro i recinti, contro le tabelle, contro lo specismo, contro la violenza, contro l’ignoranza imposta, contro orologi troppo severi, contro un sistema di vita adultocentrico.

Insomma, in cui parla di cambiamenti. Perché, come dice lei: il cambiamento esige cooperazione, condivisione, divulgazione.

E dato che anche io condivido al cento per cento questo pensiero, ho pensato di condividere un suo commento (a un post su Come e perché smettere di bere caffè) in cui c’ho trovato dentro un mondo. Un mondo di cambiamenti e amore (e consapevolezza alimentare!). Una storia buona di una persona che vive come mangia!

Eccolo!

“…Io bevevo tanti caffè…soprattutto gli espressi del bar. A vent’anni bevevo già 6-7 caffè al giorno. Ricordo che nei giorni in cui per un motivo o per un altro diminuivo la dose abituale mi venivano dei gran mal di testa…che puntualmente passavano con una tazza di caffè doppio! Ho continuato a bere tanto caffè per anni… ne ho bevuto in gran quantità per 15 anni. E per 15 anni ho fumato. Che sciocca… quanto tempo e quanta salute sprecati in queste ingannevoli pratiche!

Ho abbandonato il caffè quando ho preso coscienza che avrei dovuto cambiare vita, circa 6 anni fa. Il mio corpo mi ha gridato a gran voce che non ne poteva più delle cattive abitudini alimentari (e non solo) e dell’infelicità sulle quali continuavo a perseverare, ed ha ben pensato di manifestare il suo disappunto con l’alopecia. Ho cominciato quindi un percorso di consapevolizzazione, rifiutato qualunque farmaco.

Ho smesso di bere caffè (e tè) e dopo i primi tempi di astinenza, non ne ho mai più sentito la mancanza. nel frattempo ho cambiato vita, città, abitudini, lavoro, amore…sono rinata. L’alopecia è scomparsa non appena mi sono scoperta innamorata dell’uomo che ora è mio marito…dopo pochi mesi sono rimasta incinta, così ho smesso di bere alcol e di fumare e dopo il parto sono diventata vegana. Insomma, l’Amore per me stessa, per il mio uomo e per i nostri figli mi ha salvata! 

Da quando sono tendenzialmente crudista non mangio più nemmeno il cioccolato fondente di cui sono sempre stata ghiotta… con rare eccezioni (il gelato al fondente nero è ancora qualcosa che mi fa “sciolgliere”!).
Ora che il mio organismo sta finalmente bene e che la mia mente sta stabilendo ogni giorno un sempre più saldo equilibrio con corpo e spirito, tornare indietro sarebbe impensabile”.

Consigli di lettura:

http://www.naturalentamente.it

(Visited 613 times, 1 visits today)

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *